La Disaster Recovery e la Business Continuity con l’AI

La Disaster Recovery e la Business Continuity con l’AI

La Disaster Recovery e la Business Continuity sono come un kit di pronto soccorso e un piano di emergenza per un’azienda.

Immagina che la tua scuola abbia un incendio o un’alluvione e tutti i libri, i computer e le cose importanti vengano distrutti. Sarebbe un disastro, vero?

Ecco, la Disaster Recovery è come avere una scatola magica che ti permette di ripristinare tutti i libri e i computer persi, il più velocemente possibile.

Poi c’è la Business Continuity, che è come avere un piano per continuare a fare lezione anche se la scuola è chiusa. Questo piano potrebbe includere cose come fare lezione in un altro edificio o usare Internet per studiare da casa. In pratica, aiuta l’azienda a continuare a lavorare anche se qualcosa va storto.

Quindi, la Disaster Recovery serve a riparare i danni e ripristinare le cose importanti, mentre la Business Continuity è utile per assicurarsi che l’azienda possa continuare a funzionare anche durante e dopo un disastro.

Mentre la Disaster Recovery si concentra sui dati e sui sistemi IT, la Business Continuity ha un approccio più ampio che considera tutti gli aspetti dell’azienda necessari per mantenere le operazioni. Il DR è un componente della BC, ma la BC ingloba molto di più, come i piani di comunicazione, la gestione del personale e le catene di fornitura.

Operazioni per una buona Disaster Recovery

Backup: Devi avere una copia di tutto ciò che hai sul computer, in modo da poterlo mettere di nuovo lì se necessario.

Piano di emergenza: Devi avere delle istruzioni passo passo su come ricostruire. Si tratta di un elenco di cose da fare quando succede un disastro al computer.

Test regolari: Devi fare delle prove di ricostruzione, per essere sicuri che si possa fare rapidamente quando è davvero necessario. Per i computer, significa provarli spesso per essere sicuri che il piano di emergenza funzioni.

Software di Disaster Recovery: è come una bacchetta magica che aiuta a fare tutto più velocemente. Questi sono programmi speciali per i computer che aiutano a far tornare tutto come prima in fretta.

Cloud storage: è come avere una copia altrove di tutto ciò che hai sul tuo computer. Per le informazioni del computer, il “cloud” è un posto sicuro su Internet dove puoi salvare le cose e riprenderle quando hai bisogno.

Un’assicurazione: A fronte di un piccolo “sacrificio” (la somma che paghi), ti permette di avere aiuto. Per le aziende, l’assicurazione aiuta a coprire le perdite finanziarie quando si verificano emergenze.

la Business Continuity

la Business Continuity, d’altra parte si occupa di fare in modo che tutto funzioni normalmente anche se ci sono piccoli problemi e non proprio grandi disastri. Oltre ai provvediamenti già presi in esame per la Disaster Recovery bisogna provvedere anche alle seguenti cose:

Alimentazione di Energia d’Emergenza: Se manca l’elettricità, le aziende utilizzano generatori o batterie di riserva per mantenere in funzione i computer e l’illuminazione.

Ridondanza: Nelle aziende, significa avere computer o server extra che possono prendere il posto di quelli principali se questi hanno problemi.

Piano di Comunicazione: Le aziende devono sapere come informare dipendenti, clienti e fornitori in caso di emergenza.

Il ruolo dell’intelligenza artificiale

L’intelligenza artificiale (AI) può aiutare molto nella Disaster Recovery e nella Business Continuity. È un po’ come avere un super assistente intelligente che ti aiuta a prepararti per un temporale e a riparare le cose dopo la tempesta.

Prima di tutto, l’AI può prevedere quando e dove potrebbero verificarsi disastri. Durante un disastro, l’AI può aiutare a prendere decisioni veloci. Dopo il disastro, può aiutare a organizzare e velocizzare il ripristino. Può analizzare enormi quantità di dati per capire la migliore strategia di riparazione e ripristino. Infine, l’AI apprende da ogni disastro per migliorare i piani futuri.

L’AI può sorvegliare le operazioni aziendali e la catena di fornitura, identificando tempestivamente i rischi potenziali di interruzione. I Modelli generativi possono creare scenari di ‘what-if’ per valutare le risposte aziendali di fronte a varie interruzioni, migliorando la resilienza aziendale.

In caso di interruzione, sistemi intelligenti possono essere programmati per ripristinare rapidamente le operazioni o passare a processi di backup predefiniti

I Chatbots possono aiutare nella diffusione di informazioni critiche e nella gestione delle richieste di assistenza durante un disastro.

Il monitoraggio in tempo reale tramite l’intelligenza artificiale è diventato una pratica fondamentale per molte aziende, poiché queste ultime cercano di identificare e rispondere rapidamente ai rischi potenziali di interruzione nelle loro operazioni e catene di fornitura.

L’AI può analizzare grandi quantità di dati provenienti da fonti diverse come informazioni sul traffico, sulle condizioni meteorologiche, sui social media, sui comportamenti di acquisto dei clienti e altri segnali esterni per prevedere e identificare potenziali ritardi o interruzioni.

Sensori IoT e AI sono utilizzati per controllare costantemente lo stato delle apparecchiature critiche.

L’analisi predittiva consente di prevedere guasti prima che si verifichino, programmando la manutenzione preventiva e limitando quindi i tempi di inattività.

Che cos’è l’artificial Intelligence of Things (AIoT)?

Algoritmi di machine learning possono anche monitorare reti di distribuzione energetica, sistemi idrici e altre infrastrutture critiche per le operazioni aziendali.

I sistemi AI possono analizzare i dati di mercato in tempo reale per rilevare segnali di instabilità finanziaria o altre minacce che potrebbero influenzare il flusso di cassa o i costi operativi dell’azienda.

Gli algoritmi sono applicati per ottimizzare la logistica e il routing dei trasporti in tempo reale, riducendo il potenziale di ritardi dovuti al traffico, alle condizioni meteorologiche o a problemi di consegna.

La cybersecurity è cruciale per rilevare minacce in tempo reale. I sistemi di intelligenza artificiale possono identificare modelli di traffico sospetti che potrebbero indicare un cyber-attacco, consentendo alle aziende di rispondere prima che avvengano violazioni di dati o blocchi del sistema.

Approfondisci l’argomento della sicurezza e degli antivirus supportati dall’AI

L’evoluzione degli antivirus

Infine le previsioni della domanda di mercato attraverso l’AI aiuta le aziende a calibrare la produzione e gli stock in base ai bisogni emergenti, evitando così sovrapproduzione o scarsità di prodotti.