Sfogliato da
Autore: admin

Semplici modelli matematici con chatGPT

Semplici modelli matematici con chatGPT

Grazie ai modelli generativi del linguaggio (LLM) come chatGPT è possibile sviluppare in tempi rapidi dei semplici modelli matematici che permettono di simulare certi eventi o l’evoluzione di un sistema reale e rappresentare i risultati graficamente. In questo breve articolo useremo chatGPT per simulare la crescita della popolazione giovane rispetto a quella vecchia in funzione del tasso annuo di natalità. Ci sono molti modi per avviare una conversazione con la chat che ci conduce all’obiettivo. Uno di questi potrebbe essere…

Leggi tutto Leggi tutto

Un semplice sistema multiagente con python

Un semplice sistema multiagente con python

L’intelligenza artificiale sta rapidamente progredendo verso sistemi sempre più complessi e integrati, dove l’interazione e la collaborazione tra più agenti intelligenti apre scenari affascinanti e potenzialmente rivoluzionari. Un esempio emblematico di tale progresso è il sistema multiagente. Un sistema del genere può essere pensato come una serie di moduli, o “agenti”, ciascuno dei quali riceve un input, esegue un’operazione e passa il risultato al successivo agente nella catena. Questo flusso di informazioni, iterato su più livelli, permette un grado di…

Leggi tutto Leggi tutto

Il deepfake: l’AI può rubarci l’anima?

Il deepfake: l’AI può rubarci l’anima?

In molte culture, la fotografia veniva un tempo temuta perché si credeva potesse “rubare l’anima” delle persone ritratte. Questa antica credenza mette in luce un profondo timore del furto di un’essenza personale, un concetto che trova una risonanza sorprendente nell’era moderna con la nascita dei deepfake. Ma cosa succede quando la tecnologia avanzata non solo cattura la nostra immagine, ma la anima e la manipola? I deepfake, grazie all’intelligenza artificiale, permettono di creare video o audio estremamente realistici di persone…

Leggi tutto Leggi tutto

La natura della coscienza

La natura della coscienza

La coscienza umana è uno dei misteri più affascinanti e complessi che la scienza cerca di comprendere. Essa si riferisce alla capacità di essere consapevoli di se stessi e dell’ambiente, di provare sensazioni, emozioni, pensieri e intenzioni. Il dibattito sulla natura della coscienza è centrale in molte discipline, dalla filosofia alla neuroscienza, e solleva questioni fondamentali sull’esistenza umana e sulla realtà stessa. Il presupposto materialista e fisicalistico, che è predominante in molti ambiti scientifici, sostiene che tutti i fenomeni, inclusa…

Leggi tutto Leggi tutto

Dal business automatizzato alla rinascita delle relazioni umane: un nuovo equilibrio possibile?

Dal business automatizzato alla rinascita delle relazioni umane: un nuovo equilibrio possibile?

Il seguente è un articolo del futuro con una prospettiva ottimistica che forse potremo leggere davvero tra qualche decennio o meno. Le riflessioni che ne derivano sono attualissime. Negli ultimi decenni, il processo di scalabilità del business ha ridefinito l’architettura del lavoro moderno. L’introduzione pervasiva di automazione e intelligenza artificiale ha spesso portato alla disumanizzazione dei rapporti lavorativi. Fabbriche e uffici in precedenza brulicanti di vivaci interazioni personali si stanno progressivamente trasformando in ambienti dominati da macchine e software, in…

Leggi tutto Leggi tutto

Imparare dall’intelligenza artificiale

Imparare dall’intelligenza artificiale

Ad alcuni potrebbe infastidire l’idea di dover imparare dalle macchine ma in realtà si tratta di un equivoco. Non dobbiamo imparare dalle macchine! Imparare dai modelli di intelligenza artificiale non significa imparare dalle macchine, ma vuol dire imparare dagli studi compiuti sino ad oggi da scienziati e ricercatori umani per realizzare tali modelli. A trarci in inganno è l’uso consuetudinario della personificazione e a volte dell’antropomorfizzazione delle cose. Questa convenzione è sicuramente presente in una vasta letteratura compreso questo articolo….

Leggi tutto Leggi tutto

Può il meno esperto valutare il più esperto?

Può il meno esperto valutare il più esperto?

L’idea di utilizzare modelli di intelligenza artificiale (AI) meno esperti per valutare modelli più avanzati e potenti si inserisce in un contesto di crescente complessità nel campo dell’AI. Questo approccio rispecchia una sfida umana fondamentale e interessante: Come possiamo giudicare l’affidabilità o l’accuratezza delle raccomandazioni fatte da esperti in campi che ci sono largamente sconosciuti? Quando le persone devono valutare le raccomandazioni di esperti in campi che non conoscono bene, tendono a fare affidamento su una serie di euristiche, come…

Leggi tutto Leggi tutto

L’approccio neuro-simbolico intuitivo e razionale

L’approccio neuro-simbolico intuitivo e razionale

I modelli di deep learning possono essere visti come analoghi all’intuizione di un esperto in vari modi. Proprio come un esperto fa affidamento su anni di esperienza per fare valutazioni e decisioni quasi istintive, i modelli di deep learning elaborano grandi quantità di dati attraverso reti neurali complesse per identificare pattern e correlazioni che non sono immediatamente evidenti. Sia gli esperti che i modelli di deep learning sviluppano le loro capacità “intuitive” attraverso l’esposizione a numerosi esempi, imparando da successi…

Leggi tutto Leggi tutto

Modelli generativi e discriminativi a confronto

Modelli generativi e discriminativi a confronto

La distinzione tra modelli discriminativi e modelli generativi è fondamentale nel campo dell’apprendimento automatico e dell’intelligenza artificiale. Entrambi i tipi di modelli vengono utilizzati per compiti di classificazione, ma differiscono nel modo in cui approcciano il problema e nel tipo di soluzioni che producono. Immagina di avere due insiemi di immagini: un insieme contiene solo immagini di cani e l’altro solo immagini di gatti. Vuoi costruire una macchina che, data una nuova immagine, ti dice se è un cane o…

Leggi tutto Leggi tutto

Probabilità: approccio frequentista e soggettivista a confronto

Probabilità: approccio frequentista e soggettivista a confronto

L’approccio frequentista alla probabilità prevede di contare quante volte succede qualcosa per capire quanto è probabile che succeda di nuovo. Per esempio, se lanci una moneta 100 volte e 50 volte esce testa, diresti che la probabilità che esca testa è del 50%. È un po’ come contare quante volte piove in un mese per capire quanto spesso pioverà il prossimo mese. Bruno De Finetti, un famoso matematico, non era molto d’accordo con questo modo di vedere le cose. Lui…

Leggi tutto Leggi tutto